www.cerchiodegliuomini.org

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Recensione del libro "Le mani di papà", di Émile Jadoul

E-mail Stampa PDF

Copertina libro

Pochi libri per bambini sono capaci di raccontare il rapporto padre figlio dal punto di vista del corpo come il poetico Le mani di papà, dell'autore e illustratore belga Émile Jadoul. La storia è un tuffo intimo e delicato – a partire dal tratto – nel primo incontro fra un piccolo e il suo papà, una relazione ancora poco rappresentata e che nel senso comune sembra chiamare in causa la figura paterna solo quando il bambino è pronto a fare le “cose da maschi”, come correre, saltare, giocare a pallone, eccetera.

È invece emozionante leggere e scoprire il dolce rapporto “a pelle” che può esserci tra babbo e figlio nel primissimo periodo della vita di un cucciolo di uomo: una progressiva scoperta del mondo attraverso le forti e delicate mani del papà, portatrici di un'energia particolare, unica, complementare a quella femminile.

Papà gioca con figlio Papà fa il bagnetto al figlio

E allora, prima delle regole, delle parole, delle piccole sfide di responsabilità dei bambini, è liberatorio realizzare attraverso le immagini come il rapporto col padre possa significare coccole, vicinanza, cura. Il tutto dentro un viaggio emozionate che ben presto vede il bambino avventurarsi sempre più autonomo nel mondo, come quando decide di fare i suoi primi passetti da solo.

Le mani di papà (Émile Jadoul, ed. Babalibri, 12 €) è consigliato a tutti i neo papà in cerca di ispirazione per l'avventura più bella della loro vita, e a tutti i bambini che vogliono divertirsi con una storia che parli del loro eroe preferito. Buona lettura!


 

Per inserire commenti devi essere registrato


Banner
<< Novembre 2017 >> 
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
131415161718
202223242526
27282930